Thursday, August 28, 2008

SI INAUGURA SCUOLA AD ACCRA CON IL PROGETTO UMANITARO
UNITED FOR AFRICA

L'Associazione per i Diritti Umani e la Tolleranza onlus e la Chiesa di Scientology, si apprestano ad inaugurare ad Accra (Ghana) la scuola costruita con il progetto umanitario denominato UNITED For Africa. Il progetto, ispirato dal video UNITED, ha portato i 30 diritti della Dichiarazione Universale sotto i riflettori ed ha unito persone di diverse razze, colore e credo in un unico scopo, quello di essere d'aiuto ai propri simili; in questo caso uniti per garantire un futuro grazie al "diritto all'istruzione" per sconfiggere lo spettro dell'ignoranza. Un progetto per cui é stata scelta, come motto, l'emblematica citazione dell'umanitario L. Ron Hubbard: "I diritti umani devono essere resi una realtà, non un sogno idealistico". I volontari coinvolti si apprestano a preparare la grande festa che si terrà nel quartiere di Accra in cui sorge la nuova scuola per il giorno dell'inaugurazione che si terrà il 30 agosto. Il grado di istruzione é un indice molto importante da valutare per ogni comunità, il suo sviluppo dipende in gran parte da esso, infatti l'analfabetismo risulta essere uno tra i più gravi problemi del continente Africano. Dal rapporto dell'Unesco (l'agenzia dell'Onu per l'educazione e la scienza) la maggior parte dei bambini analfabeti del mondo vive in Africa sub-sahariana, esattamente si tratta di 38 milioni di bambini che non hanno mai visto una scuola.La scuola che si inaugurerà ad Accra é la prima di una serie e garantirà istruzione ad una moltitudine di bambini. Oltre alla costruzione verranno fornite anche tutte le attrezzature didattiche necessarie a garantire l'insegnamento L'evento viene tenuto in concomitanza con la celebrazione del 60esimo anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, UNITED for Africa é un progetto concreto, che vuole apportare un cambiamento positivo, non momentaneo, ma duraturo, per un futuro migliore; l'augurio é che sia da esempio e ne seguano molti altri.

No comments: