Thursday, December 22, 2005

UN CONCERTO PER PROMUOVERE LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI


Si è svolto a Milano, lo scorso 19 dicembre, al Teatro Ciak, il Concerto di Beneficenza di Natale 2005 organizzato dall'Associazione Diritti Umani e Tolleranza O.N.L.U.S. e dal Dipartimento dei Diritti Umani della Chiesa di Scientology, il cui ricavato è stato devoluto in favore dell'associazione di Pubblica Assistenza Croce Giallo-Azzura , nella persona del Presidente Dino De Pasquale. Lo spettacolo ha visto la partecipazione di numerosi Artisti eccezionali che si sono esibiti proprio con lo scopo di promuovere la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani: il G. ZENGA QUARTET (recensito sulla rivista Musica Jazz), MICHEL ALTIERI (attore cantante vincitore del Premio Sandro Massimini e del Italian Musical Theatre Award), i N.O.A., la band formata dal tastierista ANDREA SATOMI, dal chitarrista MORIS PRADELLA (Ron, Spagna), dal bassista STEFANO CAPPA (Vasco Rossi, Nek, Morandi, Dalla …), dal batterista di Zucchero ADRIANO MOLINARI, dal produttore musicale e arrangiatore dei Pooh DANILO BALLO e il presentatore televisivo toscano ALESSANDRO CAPASSO, la splendida voce di JENNY B. ed il grande MARIO LAVEZZI con VERONICA.

L'evento natalizio, alla sua quarta edizione, ha già beneficiato progetti in favore dei diritti umani sostenendo iniziative del Comune di Milano e di associazioni indipendenti quali AMREF. E, oltre al sostegno di straordinari volontari, della Chiesa di Scientology, ed artisti dai più svariati ed apprezzati stili, ha potuto contare su eccezionali esibizioni di grandi della musica italiana quali Roby Facchinetti e Piero Pelù.

L'Associazione per i Diritti Umani e la Tolleranza O.N.L.U.S . è stata costituita con la finalità di diffondere i principi della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani affinché questa sia la CARTA su cui fondare gli accordi tra le nazioni, ed i popoli della Terra.

Grazie al patrocinio della Chiesa di Scientology, è stato lanciato questo progetto che ha l'intento di far conoscere la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani a tutti, perché, come disse il filosofo ed umanitario
L. Ron Hubbard: "I diritti umani devono essere resi una realtà, non un sogno idealistico", citazione da cui, tra l'altro, prende il nome l'evento stesso.

No comments: